Il ghiaccio e la lotta al gonfiore, una lunga storia! (pt2)

La scorsa settimana abbiamo parlato delle origini dei benefici del ghiaccio; oggi completiamo il nostro “viaggio” indietro nel tempo con la seconda parte dell’articolo, ispirato da un pezzo pubblicato su bellefleurphysio.com.

Scritto Martedì, da Emanuele Mortarotti

R.I.C.E: funziona o no?

RICE è l’acronimo inglese coniato per ricordare alle persone gli step per combattere le infiammazioni: R sta per Rest (riposo), I sta per Ice (ghiaccio), C sta per Compression (compressione), E sta per Elevation (elevazione).

Questi metodi sono utilizzati da molto tempo - tempo che ha dato ragione ai saggi: in linea di massima, non hanno perso la loro validità – nonostante i grandi progressi della medicina e i tanti farmaci di automedicazione oramai a disposizione di tutti.

Ci sono, però, delle accortezze che si possono osservare al fine di riprendersi il prima possibile. Vediamo nel dettaglio cos’è questo R.I.C.E!

 

  • Riposo: riposo equivale ad immobilizzare l’area interessata dal gonfiore non muovendosi. È necessario, però, un po’ di attivazione muscolare per far sì che l’edema vada via. Quindi riposarsi va bene, ma solo per poco tempo e finché il dolore persiste ed è troppo acuto per muoversi. Dopodiché, è bene attivare i muscoli vicini all’area dolorante: ciò aiuta a migliorare e a velocizzare il processo di guarigione.
  • Ghiaccio: applicare un ice pack aiuta a rallentare il flusso sanguigno verso l’area interessata dal gonfiore, oltre a dare sollievo dal dolore.
  • Compressione: lo scopo della compressione è quello di fornire ulteriore pressione sul sistema linfatico per accelerare il processo di evacuazione del gonfiore. Usare questa tecnica, da sola, non aiuterà a raggiungere l’obiettivo: sebbene sia un ottimo rimedio, esso va abbinato a un po’ di attività muscolare, che aiuterà a spingere il liquido nel sistema linfatico e poi nella circolazione generale.
  • Elevazione: sollevare leggermente la parte interessata dal rigonfiamento può aiutare ad eliminare (in parte) il problema.

 

Allora, cosa ne pensate di questo articolo? Praticate una (o più) attività sopra citate per eliminare il gonfiore? Fateci sapere quali sono i benefici del ghiaccio che preferite, scrivendo al team Dispotech!

Emanuele Mortarotti
Autore Emanuele Mortarotti

Manager

scrivi un commento