L’evoluzione nel settore delle attrezzature medicali (pt.2/2)

Continua il nostro approfondimento sulla trasformazione digitale nel settore delle attrezzature medicali

Scritto Giovedì, da Emanuele Mortarotti

Bentornati sul blog di Dispotech! Oggi vi proponiamo la seconda ed ultima parte dell’articolo iniziato la settimana scorsa, relativo alla tecnologia digitale applicata alla produzione di massa delle attrezzature mediche. Buona lettura!

 

Un nuovo approccio per la garanzia della qualità.

Nonostante tutte le innovazioni esistenti oggi nel controllo qualità, il numero dei richiami sta invece aumentando. Un recente articolo pubblicato da Medical Device and Diagnostic Industry (MDDI) racconta che nel 2016 l’industria delle apparecchiature medicali ha registrato il numero più alto di richiami per malfunzionamento dei suoi dispositivi dall’ anno 2000.

Dopo la trasformazione digitale, la miglior garanzia di qualità sarà assicurata con il solo utilizzo delle giuste tecnologie per ogni step del processo di produzione, in modo tale da potersi assicurare che ogni stadio sia stato completato nella maniera corretta. Per “tecnologie giuste” si intendono, ad esempio, sistemi di immagazzinamento che possono facilitare la transazione da carta a digitale, assicurare la trasparenza e la tracciabilità necessaria di qualsiasi informazione desiderata.

 

Dai sistemi frammentati…a una soluzione unica.

Dopo aver parlato dei tanti pregi della digitalizzazione nei macchinari medici, è tempo di parlare di possibilità di attuazione della stessa. Applicare questi cambiamenti non è affatto cosa semplice a causa dei template e di altri sistemi che non possono essere modificati a piacimento. Guardando al futuro di questi device, i nostri alleati più fidati saranno codici a barra e/o identificatori digitali che, con pochi click, ci diranno tutto quello che vogliamo sapere.

Nel mondo digitale tutto è connesso. Non esistono sistemi isolati o soluzioni fai-da-te. Le aziende che si interessano di IT si occupano, più che di modificare template o sistemi già esistenti, di aiutare a sviluppare l’organizzazione dei dati tramite nuovi processi e una rinnovata ottimizzazione dei tempi. D’altronde, questi macchinari saranno utilizzati in ambito medico: sarà quindi facilissimo per un operatore ricavare i dati utili e mostrarli subito ai colleghi o al paziente stesso. L’obiettivo principale è abbattere le distanze tra operatore e paziente rendendo le attrezzature sempre più user-friendly.

 

Quando convertirsi al digitale… conviene!

Considerato l’esempio discusso in questi due articoli, è chiaro che la digitalizzazione può offrire ai produttori di apparecchiature medicali una gestione migliore non solo della manutenzione, ma anche dei dati su esse contenuti. L’enorme potenziale dei miglioramenti apportati dalla digitalizzazione potrà estendersi, successivamente, anche ad altri aspetti della produzione. In futuro, ad esempio, un’attrezzatura medicale potrebbe svolgere più esami contemporaneamente, oppure suggerire all’utente delle eventuali diagnosi, o consigliare analisi/esami diagnostici complementari a quello svolto dal macchinario in uso. Insomma, un’apparecchiatura così potrebbe realmente diventare un prezioso alleato, quasi un collega. Grazie ai progressi della tecnologia, possiamo davvero dire che tutto, in un futuro neanche troppo lontano, potrebbe essere possibile.

Cosa ne pensi? Se hai trovato l’articolo interessante e ti interessa approfondire, contatta direttamente   Dispotech, your disposable excellence.

Emanuele Mortarotti
Autore Emanuele Mortarotti

Manager

scrivi un commento