Come combattere il caldo durante l'estate?

Come ogni anno, l’estate si fa sentire con temperature sempre più alte, afa e picchi di calore. Occorre fare attenzione ai vari danni che un’esposizione al sole, senza le dovute precauzioni, può provocare. In questo articolo, supportato da un pezzo letto sul sito de ilmessaggero.it, diamo qualche consiglio per trascorrere un’estate in serenità e sicurezza.

Scritto Martedì, da Emanuele Mortarotti

Bentornati sul blog di Dispotech!

Come ogni anno, l’estate si fa sentire con temperature sempre più alte, afa e picchi di calore. Occorre fare attenzione ai vari danni che un’esposizione al sole, senza le dovute precauzioni, può provocare. In questo articolo, supportato da un pezzo letto sul sito de ilmessaggero.it, diamo qualche consiglio per trascorrere un’estate in serenità e sicurezza.

È stato reso noto da più organi di informazione che il mese di giugno è stato uno dei più caldi di sempre, con afa e umidità alle stelle. Un calore eccessivo (e tutto il disagio che ne consegue) può creare danni al nostro organismo, ma anche al cervello e all’umore.

Il gastroenterologo e nutrizionista dott. Luca Piretta, intervistato da In a Bottle, ci dà dei consigli da mettere in pratica per “sopravvivere” alle temperature elevate che ci attendono in queste settimane.

 

Sembrerà banale, ma è sempre bene ricordarlo e ripeterlo: bere tanto, idratarsi tante volte durante la giornata, è fondamentale. Oltre ad essere utile per reintegrare i liquidi persi, bere tanto serve per combattere la disidratazione dovuta alla dispersione del calore che avviene attraverso il respiro, alla traspirazione, ecc. Oltre all’acqua, ci si può “dissetare” mangiando frutti come melone e anguria o verdure come i cetrioli, freschi e croccanti.

Importante è avere un occhio di riguardo per gli anziani che, con l’avanzamento dell’età, perdono poco a poco il senso della sete.

La disidratazione comporta diversi scompensi all’organismo umano: c’è, infatti, un calo di sali minerali come potassio e magnesio che sono fondamentali per farci “funzionare” correttamente – a livello cardiaco, muscolare, nervoso, ecc. E se è vero che d’estate, a causa del caldo, si tende a mangiare di meno, il dottor Piretta sottolinea che è sempre necessario l’apporto dei nutrienti essenziali come zuccheri, grassi e proteine.

 

Quali possono essere, allora, dei metodi per rinfrescarsi, oltre a bere? Indossare indumenti leggeri e traspiranti, uscire di casa quando il sole non picchia forte, cercare di far arieggiare gli ambienti per garantire una frescura naturale.

Per tutte le emergenze, un sacco gelo o del ghiaccio istantaneo possono darti un sollievo immediato: si attivano istantaneamente ed il loro effetto ti aiuterà a rinfrescarti in tutta sicurezza! Questi dispositivi medici sono ampiamente utilizzati nel settore medicale, dentale, sportivo, ma in realtà possono far comodo in qualsiasi situazione che richieda l’utilizzo della crioterapia o dei benefici del freddo.

Se non hai un ice pack o un gel pack freddo a tua disposizione, puoi sempre “crearne” uno casalingo con quello che hai a disposizione nel freezer (sempre avvolto in un panno morbido o un asciugamano).

 

Cosa ne pensi di questo articolo? Quali sono i tuoi rimedi per combattere il caldo? Faccelo sapere scrivendo al team Dispotech.

Emanuele Mortarotti
Autore Emanuele Mortarotti

Manager

scrivi un commento