Emergenza sciatalgia? Ecco una soluzione

Dopo aver parlato di emicranie e dolori muscolari, oggi parliamo dell’azione del freddo contro sciatalgia, colpo della strega e mal di schiena.

Scritto Martedì, da Emanuele Mortarotti

Bentornati sul blog di Dispotech, your disposable excellence.

Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato dei benefici del ghiaccio e delle terapie ad esso collegato che, spesso, sono più efficaci di analgesici e medicinali vari – e fanno anche meno male! Oggi vogliamo darvi qualche altra dritta su come utilizzare il ghiaccio in caso di dolori.

Dopo aver parlato di emicranie e dolori muscolari, oggi parliamo dell’azione del freddo contro sciatalgia, colpo della strega e mal di schiena. Queste tre condizioni colpiscono un’enorme fetta di popolazione: fastidi comuni, dunque, che spesso necessitano di cure anche costose (come massaggi, fisioterapia, ecc).

Il freddo può aiutare ad arginare il dolore? Prima di vedere gli effetti del ghiaccio, facciamo un po’ di chiarezza su questi fastidi sopra citati.

La sciatalgia è quel dolore - più o meno intenso - che percorre il nervo sciatico, il quale attraversa gluteo, coscia e gamba. I sintomi più comuni che possono segnalare l’infiammazione del nervo sciatico sono intorpidimento, formicolio, dolore durante il movimento.

Quando si parla di colpo della strega, invece, ci si riferisce ad una lombalgia acuta che interessa la fascia inferiore della schiena e che porta, conseguenza, immobilità e dolori molto acuti. Anche questa condizione è da valutare col medico, che può consigliare terapie ed esami di varia natura.

Il classico e temuto mal di schiena, invece, è un dolore muscolo scheletrico che interessa la zona lombare (specialmente la fascia inferiore della schiena). Spesso legato ad una cattiva postura, può essere anche causato da altri fattori, come l’obesità, il fumo, la depressione e l’ansia, lavori logoranti, esercizi fisici eseguiti in maniera scorretta.

Come può intervenire il ghiaccio per contrastare questi fenomeni dolorosi? L’effetto del freddo è notoriamente sfiammante: un ice pack, piuttosto che una borsa ghiaccio (anche “rustica”, ovvero creata con qualcosa che si ha a disposizione nel congelatore di casa) può fare grandi cose! Accertatevi di:

  • non far entrare a contatto direttamente il ghiaccio e la pelle, ma utilizzate un asciugamano tra di essi;
  • applicare il ghiaccio sulle articolazioni – per i meno esperti, dove sentite le “ossa” – e non direttamente sul muscolo dolorante;
  • applicare ice pack e borse ghiaccio per un massimo di 15 minuti, poi far riposare la parte dolorante e ripetere la terapia del ghiaccio dopo qualche ora.

Se soffrite di sciatalgia, applicate il ghiaccio direttamente sulla parte dolorante della gamba, avendo cura di seguire i consigli scritti sopra.

Per sentirsi ancora meglio, sarebbe consigliabile alternare caldo e freddo. Come? Provate a seguire questo consiglio: dopo l’impacco freddo, preparatene uno caldo e applicatelo sulla zona dolorante – o, meglio ancora, fate un bagno caldo (se possibile, aggiungendo all’acqua oli essenziali o erbe dai poteri anti-infiammatori come basilico, rosmarino, artiglio del diavolo). Alternando le temperature, il flusso sanguigno aumenterà, così come la circolazione linfatica: di conseguenza, l’infiammazione tenderà a ridursi, accelerando i tempi di guarigione.

Visto? Sono tanti i modi in cui il ghiaccio può aiutarci a stare meglio. Per domande, curiosità e informazioni aggiuntive, non esitate a contattare il team Dispotech!

Emanuele Mortarotti
Autore Emanuele Mortarotti

Manager

scrivi un commento