I benefici del ghiaccio quando si è malati

Scritto Venerdì, da Emanuele Mortarotti

Bentornati, amici di Dispotech, al consueto appuntamento settimanale sul nostro blog!

Grazie ad un articolo pubblicato su itv.es, vi raccontiamo quali sono i benefici che il ghiaccio può apportare in queste situazioni!

Come utilizzare il ghiaccio?

Se state per prendere qualche medicina con un sapore o un odore terribile, vi consigliamo di mettere prima dei cubetti di ghiaccio sulla lingua o in bocca. Mettendo il cubetto sulla lingua, renderemo praticamente insensibili le ghiandole presenti nell’area. Le papille gustative, infatti, possono essere gradualmente “disattivate” per un breve periodo di tempo quando si utilizza il ghiaccio.

Qualcosa di simile succede anche quando beviamo qualcosa di molto freddo o mangiamo il gelato. Ovviamente il senso del gusto non scompare del tutto, quindi riusciremo ancora a percepire i sapori – anche se “depotenziati” – specialmente se la medicina ha un’alta concentrazione chimica (che rende il suo sapore particolarmente forte).

Le alternative ai cubetti di ghiaccio

Se non vi piace l’idea del ghiaccio in bocca, ci sono ottime alternative da considerare. Ad esempio, potete prendere un bicchiere d’acqua e metterlo in freezer. Dopo qualche minuto il bicchiere dovrebbe diventar freddo abbastanza. Fate un bel sorso, trattenendo l’acqua qualche secondo in bocca prima di ingoiarla – o comunque, quando sentite di star perdendo sensibilità al freddo sulla lingua. Un’altra opzione, più piacevole, è quella di mangiare un bel ghiacciolo! La sensazione di fresco sulla lingua non sarà di certo immediata, ma il piacere di mangiare qualcosa di gustoso aiuterà l’attesa. Cercate di tenere quanto più possibile il ghiacciolo sulla lingua, in modo da “addormentare” le papille gustative.

Come aiutare i più piccoli?

Quando si parla di medicine dai gusti pessimi, il pensiero va spesso ai bambini. È stato scientificamente dimostrato che lo sviluppo del bambino influenza in maniera significativa le capacità delle papille gustative, nonché le preferenze verso alcuni sapori piuttosto che su altri. Ciò significa che i bambini possono essere più suscettibili nei confronti di alcuni sapori forti, qualcosa che cambia col tempo e va di pari passo con la crescita. Seguendo questo ragionamento, può accadere che un bambino di tre anni che è in grado di tollerare una medicina dal gusto forte possa dimenticare tale resistenza a distanza di pochi anni, o in età adulta.

Tornando alle medicine, probabilmente le più difficili da far prendere ai bambini sono le emulsioni e gli sciroppi. Invece di inibire le papille gustative dei bambini, potreste provare a far raffreddare la medicina, mettendola in freezer per pochi minuti. Nella maggior parte dei casi, ciò permette alla medicina di mantenere i suoi principi attivi, ma di anestetizzarne il gusto cattivo.

Ridurre il cattivo sapore della medicina renderà più semplice farla assumere ai più piccoli, specialmente quando sono malati ed i sensi tendono ad essere più suscettibili.

Visto? Il ghiaccio ha tantissimi benefici, tutti da scoprire!

Conoscevate questo aspetto della terapia del freddo? Continuate a seguire Dispotech, your disposable excellence per scoprire altre curiosità sul ghiaccio e le sue proprietà benefiche!

Per qualsiasi informazione, non esitate a contattare il team Dispotech.

Emanuele Mortarotti
Autore Emanuele Mortarotti

Manager

scrivi un commento